Nov
5
2009

Come creare e utilizzare un disco di ripristino con Windows 7

I computer spesso fanno brutti giochetti, il giorno prima funziona tutto alla grande e il successivo si hanno tutti i problemi di questo mondo, senza aver toccato proprio nulla! Prima di arrivare a portare il nostro computer in assistenza possiamo anche noi provare a recuperare il pc, basta infatti utilizzare un disco di ripristino, creato direttamente con l’utility di Windows 7. Tramite un disco di ripristino, è possibile far avviare il sistema che prima non ne voleva  a che sapere, in modo tale da riavere il computer perfettamente funzionante. Ecco come fare:

Logo Windows Seven

Creare un disco di ripristino:

  1. Clicchiamo su Start e scriviamo nel campo di ricerca Disco ripristino e gia mentre scriviamo apparirà tra i suggerimenti Crea un disco di ripristino del sistema, facciamoci click sopra;
  2. Nel programma apertosi scegliamo l’unita, inseriamo un CD nel masterizzatore e facciamo click su Crea disco;
  3. Attendiamo il completamento della masterizzazione e conserviamo il disco.

Utilizzare un disco di ripristino:

  1. Inseriamo nel lettore del computer il CD e facciamo il boot da questo;
  2. Nella schermata di DOS selezioniamo Windows Setup e quindi attendiamo il caricamento di Windows;
  3. Seguiamo le istruzioni visualizzate sullo schermo del pc.

Creare un disco di ripristino è molto utile, meglio farlo subito! Ciao…

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someonePrint this page
 

5 Commenti Commenta!

  • Scusa, ma bisogna utilizzare un CD o un DVD? Grazie.

    • Servono 140 Mb circa, quindi, un semplice CD basta e avanza! Ciao.

  • Come faccio a creare un immagine di sistema di Windows 7 su supporto rimovibile? Poi posso ripristinarla con il disco di ripristino di Windows 7? Grazie, ciao.

  • Vi chiedo si può fare su pen drive? Grazie, ciao.

    • Si, credo sia possibbile ma non di certo utilizzando il metodo spiegato sopra… provate a fare una ricerca su internet. Ciao.

Lascia un commento


TAGS